News

X Games

09 novembre 2020

 

 

Come atleta è una grande opportunità parte­cipare agli X Games. Anche ciò che avviene dietro le quinte è altrettanto emozionante. La costruzione di numerosi elementi richiede un elevato know-how. I professionisti delle tecnologie per snow-park, alias SPT, e Schneestern hanno assolto ancora una volta in modo eccellente a questi compiti con la loro flotta di PistenBully. Il risultato sono le arene della neve più belle al mondo!
Gli X Games invernali rappresentano ogni anno un highlight stagionale per gli atleti e una calamita di grande attrazione per il pubblico di tutto il mondo. Infatti al cancelletto di partenza degli X Games ci sono solo i migliori, le teste di serie delle classifiche internazionali. Non mancava nessuno: prima ad Aspen in Colorado cento atleti si sono giocati il titolo a Buttermilk Mountain nell’area centrale delle Rocky Mountains in diverse discipline, ottenendo prestazioni di alto livello in gare di slopestyle, big air o bike cross. Poco dopo è stata la volta di Hafjell in Norvegia. Successivamente al debutto ad Aspen, la nuova disciplina “Ski Knuckle Huck” ha entusiasmato anche in Norvegia: i campioni di freestyle hanno eseguito salti impressionanti sul filo della tavola nel Big Air Kicker e hanno dato sfogo alla propria creatività con liberi avvitamenti in sospensione. Salti mozzafiato hanno catalizzato ogni sguardo!
Terreni dai profili complessi e scadenze serrate. I professionisti delle tecnologie per snow-park raggiungono prestazioni di grande livello nella costruzione di percorsi di altissimo livello internazionale. Si affidano completamente ai propri PistenBully con una marcia in più nella trazione, nella capacità di arrampicata e nel raggio di movimento degli attrezzi applicati.
La struttura di Hafjell era uno dei progetti più impegnativi per Schneestern, responsabile della costruzione di questa arena, nonché un’autentica sfida per gli organizzatori. “La località turistica di Hafjell ha avuto un inverno ricco di manifestazioni nazionali e internazionali. Pertanto Schneestern aveva a disposizione solo dieci giorni per la realizzazione delle strutture. Inoltre tutti i loro battipista nel comprensorio sciistico erano riservati ad altre attività. Senza l’ausilio di PistenBully i nostri X Games non sarebbero stati praticamente possibili: la ditta Kässbohrer Geländefahrzeug AG ci ha messo a disposizione in tempi brevissimi due PistenBully di ultima generazione”, afferma Henning Andersen, CEO di SAHR, l’organizzatore degli X Games in Norvegia. Solitamente per un progetto del genere sono necessarie circa tre settimane. Schneestern con PistenBully ha realizzato qui l’impossibile in soli dieci giorni.